POLE DANCE – ARGENTINO – ITALY – BRASIL

Tag archive

instagram - page 8

Laura Fantino:es la organizadora del próximo evento de Pole en Argentina

in entrevista by

En pocas palabras … Laura Fantino es la organizadora del próximo evento de Pole en Argentina, será en Mayo. Laura nos cuenta un poco sobre este evento llamado “Pole Up”.

 1. ¿De qué se trata esta competencia?
El Pole Up surge como una nueva experiencia en competencia dentro de la disciplina. Buscamos lograr un equilibrio entre las cualidades técnicas y artísticas del Pole Dance y fomentar la creatividad y originalidad tanto en el pole como en el suelo.
2. ¿Qué expectativas tiene con esta competencia?
Queremos que los participantes muestren su estilo y se animen a la creación. Sin quedarse en los movimientos estructurados.
Que se animen a sorprendernos.
3. ¿Por quienes está conformado el jurado?
El Jurado está compuesto por 3 Pole Dancers reconocidas mundialmente Anastasia Shuktorova, Amy Hasel y Victoria Rame
4. ¿Cuantas categorías competirán?
Hay dos grandes categorías
High Heels y Pole Art
Que a su vez están divididas en Amateur, semi profesional y profesional.
5. ¿Qué cantidad de atletas participarán?
Tenemos 79 finalistas
6. ¿Algo más que desee destacar?
Procuramos la neutralidad y diversidad del jurado buscando atletas/artistas del Pole Dance muy distintas entre sí y de gran reconocimiento mundial.

Belén Serra: orgullo de la nación

in Pole Magazine by

Hoy decidimos abrir nuestra entrevista con un campeona mundial de Pole Dance, una mujer especial que enorgullece a la Argentina. Su nombre es Belén Serra, una de las representantes más importantes del Pole, a nivel nacional. Una virginiana que actualmente vive en la Ciudad de Córdoba. La forma en que baila es un delicado equilibrio entre la perfección y la belleza, y tal vez encarna un famoso proverbio japonés … tanto vale la pena bailar, porque para ella, bailar es como soñar con los pies! Cuando cuenta su historia de vida Belén Serra, resalta que su vida siempre se ha caracterizado por el ‘movimiento’ y que desde edad temprana la sedujo el delicado vértigo de la danza clásica, por lo que actualmente fluye en un gran paradigma de espacios infinitos, una verdadero abanico de oportunidades que le permite jugar a ser diferentes personajes y al mismo tiempo ser realmente ella.

 

Cómo llegaste al Pole Dance?

Había entrado a una compañía francesa que debíamos hacer temporada en Cannes y en París, y en esa comedia musical me debía desarrollar como bailarina y tenía que hacer actividades aéreas. Por lo que debí empezar a entrenar con elementos que me permitieran desarrollar fuerza y elegí el pole sport. Cuando regresé de Francia, retomé el pole sport ya como parte de mis entrenamientos diarios, hasta que se convirtió en mi carrera, pocos años después.

* En cuántos torneos participaste y cuáles fueron los resultados?

He estado en un total de 7 mundiales, un campeonato panamericano, 4 campeonatos sudamericanos, y 4 campeonatos nacionales. obtuve, 1er. puesto mundial: IPSF Londres 2014, élite dupla junto a Joaquín Dezzotti. 1°er. puesto mundial WORLD POLE CUP, Río de Janeiro 2016. Dos veces campeona sudamericana. Sub campeona panamericana. 2 veces campeona nacional

 

* Cómo es tu vida diaria fuera del deporte?

Mi vida gira al rededor del deporte. No obstante, mi vida está compuesta por mi familia y mi esposo. Viajo mucho, y cuando estoy en mi provincia trato de disfrutar mi casa, amigos y familia. Pero toda mi vida gira al rededor de mi carrera artística y deportiva.

 

* Cuáles son los momentos más hermosos relacionados con el Pole Dance?

Cada entrenamiento, cada preparación previa a competir son momentos maravillosos; cada viaje para dictar workshop, conocer países y deportistas maravillosos. Pero cada objetivo logrado, cada podio obtenido, hace que el esfuerzo valga la pena. Cuando vivimos de lo que amamos, cada segundo se hace hermoso y único.

 

* Tienes un lema?

“Solo con constancia y disciplina podremos lograr las metas.”

 

* Cuáles son tus aspiraciones futuras?

Seguir por el momento en competencias, no creo que por muchos años más. Planeo continuar enseñando y formando tanto atletas, como instructores de la actividad.

* Han habido momentos desalentadores en los que estuviste a punto de renunciar a todo?

Cada artista o deportista ha tenido momentos en los que queremos dejar todo. Los momentos más difíciles, han sido cuando llegaron resultados negativos en los campeonatos en los que te has preparado durante tanto tiempo o cuando hubo que llevar adelante lesiones que hicieron que debas renunciar a algún campeonato.

 

* Cuáles son las razones por las cuáles una mujer debería acercarse al Pole Dance?

Es un deporte que nos libera, nos ayuda a tonificar el cuerpo, nos divierte, formamos amistades… No obstante hoy, el pole sport es una actividad para mujeres, hombres y niños. * A nivel físico en particular, cuáles son los mayores beneficios? El desarrollo de la fuerza y la flexibilidad. También renuncias a los miedos hacia las acrobacias y a las alturas. Se tonifica el cuerpo y lo hace más saludable.

 

* Es necesario combinar el Pole con alguna otra actividad deportiva?

Todo depende de los objetivos. Si solo se quiere practicar el pole sport como alternativa de deporte, no es necesario complementarlo con otro tipo de entrenamiento ya que el pole es un deporte muy completo. No obstante, cuando los objetivos son ingresar al mundo de las competencias, si es necesario incluir a nuestro entrenamiento: trabajos específicos como: entrenamiento físico, flexibilidad, danza, alimentación específica, entre otros.

 

* Un consejo para aquellos que quieran empezar?

Que se animen, que no se limiten por la edad, ni sexo, ni ningún tipo de complejo. Cualquiera puede hacer pole dance. Desde un bailarín o gimnasta con años de carrera, como también una persona que nunca en su vida hizo deporte.

 

 

Vanesa Soledad Zylinski,Pasión por la Danza

in argentino/entrevista/Pole Magazine by

Hemos dedicado nuestra portada a una mujer especial, su nombre es Vanesa Soledad Zylinski, nació en Santiago del Estero, pero vive en Córdoba, Argentina. Fue una de las primeras que empezó a practicar la disciplina del pole dance en este país. Casada, madre de dos hermosas hijas, Evangelina de 4 años, Laima de 2 años, luego dice: “Siempre creí en el futuro del Pole Dance, desde el principio.” Obtuvo premios nacionales e internacionales. También se desarrolló como Instructora de Pole. Pero además de esta disciplina, Vanesa también es Licenciada en Enfermería, así que decidimos dedicarle esta tapa. Estamos hablando de una persona extraordinaria, sensual, con una gran habilidad, pero Vanesa , sobre todo, es una mujer que toma el pole dance en serio… su relación con la perfección es ahora un conflicto continuo vivido todos los días en el espejo, pero el coraje y el deseo sorprendente no le falta, si, porque para ella es un gran juego de vida, un paradigma indefinido entre el espacio y el tiempo , suspendido entre el cielo y la tierra. No es fácil definir sus cualidades como mujer, también porque hacerlo sería reductivo, pero podemos afirmar que es una fiel exponente de las mujeres del nuevo milenio, que logra combinar diariamente entre familia, trabajo y su pasión por esta disciplina deportiva . Hoy Vanesa ha decidido volver al ruedo de las competiciones, en donde el premio mayor es la satisfacción de poder desarrollar su arte.

intervista a Jessica Bassan

in Intervista/Moda/News/Pole Magazine by
  • tirinnanzi-Pier-Francesco_1.jpg?fit=4961%2C2501

 

Oggi abbiamo assegnato il compito di rispondere ad alcune domande a Jessica Bassan istruttrice nota in diverse discipline sportive, il suo curriculum è di tutto rispetto tra cui un riconoscimenti importanti come quello di giudice di pole dance e pole sport.  Jessica ha aperto la strada ad una nuova comprensione della danza, ispirata alla rivoluzione del suo linguaggio, e della tecnica che ne è associata gettando le basi per la sperimentazione di una nuova visione del pole dance. “Una raccolta tra corpo e spazio” Per Jessica l’innovazione è l’unica prospettiva possibile per la creatività della danza in generale,  un legame che colma la possibile distanza tra corpi e spazi, e cosi che avviene la messa in scena, la necessità della danza come unico linguaggio per comunicare cose che non riusciamo a esperire con le parole.

 

Partiamo con al domanda di rito ci racconti in breve l’inizio della tua carriera?
Ho sempre praticato sport, ho fatto 14 anni di ginnastica ritmica e poi mi sono avvicinata al mondo fitness e del ballo latino americano e da 5 anni pratico pole dance a livello agonistico. la passione per il mondo sportivo ha fatto sì che io iniziassi ad insegnare all’età di 16 anni finché’ ancora studiavo. Da tre anni ho realizzato un mio grandissimo sogno, aprire la mia palestra, la pole & fitness passion asd a Padova, dove insegno, insieme ad un ottimo team, corsi di pole dance e fitness.
i miei risultati più importanti: ho vinto molti talent e a livello internazionale sono stata vice campionessa mondiale nella cat.double nel 2016 e medaglia di bronzo mondiale nel 2017. Campionessa italiana e europea 2017 nella cat double. ho gareggiato a varie gare internazionali anche nella categoria singolo.

Ci faresti un breve elenco dei tuoi riconoscimenti professionali?

istruttrice e giudice di pole dance e pole sport
personal trainer di body building e fitness
istruttrice di superjump
consulente alimentare

Com’è la tua vita quotidiana fuori dallo sport?

diciamo che la mia vita è lo sport: mi alzo al mattino e mi alleno alternatamente un giorno per le gare e un giorno per potenziarmi e dal primo pomeriggio insegno fino a sera inoltrata. La mia vita è lo sport… ma ciò è possibile solo perché’ ho una passione immensa per quello che faccio

Che rapporto hai con i sogni? Sei una sognatrice?

Si moltissimo, mi pongo sempre degli obbiettivi e testarda come sono devo sempre raggiungerli

Il tuo rapporto con lo specchio?

oggi guardandoti allo specchio come ti definisci? fiera della persona che sono… ho lottato e lavorato sempre duramente per raggiungere ciò che volevo e continuerò a farlo

ci racconti tutto dall’inizio come ti sei avvicina a questo sport?
Circa sei anni fa mi è capitato di vedere in internet un video di pole dance e subito ho pensato che era una disciplina meravigliosa e così sono andata a bologna a fare la mia prima prova. poi causa distanza non ho potuto iscrivermi al corso, così mi sono comprata un palo e da autodidatta guardando dei video ho iniziato a studiare questa disciplina

 

Quali sono le tue aspirazioni future?

a livello sportivo sicuramente di vincere un campionato mondiale e a livello personale di avere una mia famiglia Tu ti senti bella? le persone mi definiscono perfetta fisicamente ma io sono molto critica su me stessa, sono una perfezionista quindi…diciamo carina:) cosa significa per te essere bella? sentirsi bene con se stessi dentro e fuori

Ci sono stati momenti scoraggianti in cui stavi per mollare tutto?

essere una atleta è una cosa meravigliosa ma quando si è sotto gara lo stress può aumentare notevolmente e ci sono stati giorni in cui non reggevo più le emozioni e un po’ di crisi ci sono state

Quali sono le ragioni per cui una donna dovrebbe avvicinarsi alla pole dance?

io ho sempre detto e continuerò a dire che la pole dance è una sana droga… quando la si inizia non si può farne a meno. è molto stimolante perché’ ad ogni lezione si imparano figure nuove e perché’ si vedono i progressi di lezione in lezione, poi in tutti i nostri corsi si creano dei gruppi meravigliosi infatti io dico che la mia scuola è una grande famiglia

sul piano fisico in particolare quali sono i maggiori benefici?
Si potenziano e si tonifica tutto il corpo, in particolare la parte superiore

è necessario integrare la pole con qualche altra attività tipo la corsa o la palestra?
Assolutamente no, se si è costanti e si fa più di qualche allenamento a settimana non è necessario; anche perché’ durante le lezioni oltre al riscaldamento si fa anche una parte di potenziamento a terra e al palo

un consiglio a chi vuole iniziare?
Iniziate il prima possibile perché’ è uno sport meraviglioso che chiunque può fare, non c’è limite di età e costituzione!!! una maniera alternativa per tenersi in forma e soprattutto divertirsi

Mariagrazia Manzo: io solare e sognatrice

in Intervista by
  • DDS_6381-1.jpg?fit=3600%2C2400

 

 

Non è mai troppo tardi per essere ciò che sei… ti svegli al mattino con una gran voglia di affrontare la tua giornata. Hai chiaro cosa c’è da fare e soprattutto perché lo stai facendo e di conseguenza sei pronto ad affrontare le sfide che ti aspettano.. Mariagrazia Manzo pole Dancer con questa bellissima parole apre  la nostra intervista.

Mariagrazia è una donna speciale che parla di confine tra le persone che abbandono e quelle diverse, quelli che riescono, quelli che fanno la differenza… non è facile questa disciplina, anzi è difficile cambiare le proprie abitudini per inseguire un sogno…  In questo sport si va incontro a mille delusioni, molti fallimenti, ma l’importante non abbandonare il tuo sogno di essere migliore… è davvero importatane credere che tutti possono farcela… poi aggiunge: Vorrei   essere  ricordata come una donna che ha saputo dare alle altre donne la giusta motivazioni, determinazione, autostima ,cerco di guardare il lato migliore in tutto quello che faccio,  mi piace, mi rilassa, mi gratifica…  Questa è la novità della mia vita… no l’orologio che scandisce il proprio tempo…  Migliorare me stessa insieme agli altri che mi circondano.

 

Parlaci dell’inizio della tua carriera

Ho iniziato da assistente alla mia insegnante, Raffaella Gianfrano (che ringrazio sempre per la fiducia che ha riposto in me e per avermi spinto a dare sempre il meglio in questa disciplina) per quanto riguarda le lezioni alle classi di principianti. Da li ho capito che l’insegnamento della pole era qualcosa che mi appassionava e perciò mi sono formata per poter diventare un’insegnante certificata.

Riconoscimenti professionali esempio attestati: Posseggo il brevetto di istruttrice di pole dance rilasciato dalla Xpert (Xpert Pole Fitness) che mi permette di insegnare le basi tecniche della pole dance. La mia formazione però non si è mai fermata; ci tengo ad ampliare sempre di più il mio bagaglio di conoscenze circa la disciplina che amo pertanto faccio lezioni e workshop con i grandi del nostro sport, da Musina Galina a Pink Puma, da Eva Bembo a Vane Lunatica. Oltre poi alla pole cerco di apprendere il più possibile sulle altre discipline circensi, anche in questo caso facendo lezioni con professionisti del settore, come Sheila Verdi per quanto riguarda il cerchio aereo e Francesco Lanciotti per quanto riguarda le cinghie aeree.

Com’è la tua vita quotidiana fuori dallo sport?: Sono una biologa marina: amo il mare e i suoi abitanti, cerco di studiare per quanto mi è possibile tutto ciò che riguarda l’ambiente marino e come salvaguardarlo. Per il resto sono una ragazza normale che fa cose simili a tutte le ragazze della sua età: uscire con le amiche, leggere, andare a concerti o spettacoli. Una delle mie più grandi passioni è sicuramente viaggiare! Visitare posti nuovi, imparare culture diverse dalla mia stimola la mia curiosità e mi spinge a muovermi in lungo e in largo per conoscere quanto più possibile del posto in cui mi trovo.

Sei una sognatrice?: Si certo che lo sono! I sogni sono lo sprone che ci spinge ad andare avanti, a superare i nostri limiti e a spingerci verso vette sempre più alte. Nel cassetto, che è più un armadio in realtà, ci tengo tutti i sogni che vorrei vedere realizzati e ogni volta che mi focalizzo su uno di questi faccio tutto quello che è in mio potere per realizzarlo.

Oggi guardandoti allo specchio come ti definisci?: Se mi guardo allo specchio oggi vedo una persona solare, sognatrice ma allo stesso tempo forte, testarda e determinata ed in questo, devo dire, la pole mi ha aiutato non poco. Fino a pochi anni fa ero più timida, introversa; la pole ha cambiato tutto, ha tirato fuori la parte migliore di me, mi ha reso cosciente di tutto ciò che potevo fare e mi ha permesso di farlo.

Ci racconti tutto dall’inizio come ti sei avvicina a questo sport?: Ho iniziato a praticare la pole dance come un gioco… un giorno passai davanti allo studio di pole e lessi: “oggi lezione gratuita”. Entrai e da li fu subito amore. Non l’ho più lasciata e nei 4 anni che sono passati da allora ho sempre messo nelle mie lezioni, da allieva e da insegnante, tutta la passione e la voglia che ho avuto quel primo giorno.

Hai un motto?: Un motto proprio no, ho un mantra: “sudore, fiato, cuore”. Queste tre parole, che ho sentito in una canzone di Francesco Gabbani, mi hanno colpito profondamente perchè rappresentano tutto ciò in cui credo: in tutto ciò che faccio cerco di dare il massimo, di raggiungere il migliore risultato possibile e questo, per me, lo si può fare solo se ci si mette tutto l’impegno possibile ma soprattutto i risultati arrivano se quello che fai lo fai con passione, mettendo tutto te stesso in gioco, dando il massimo per raggiungere l’obiettivo prefissato. Non lo raggiungerai in un giorno o in un mese, ma la passione, la grinta, la “fame” come la chiamo io, alla fine ti porteranno alla meta.

Quali sono le tue aspirazioni future?: A livello lavorativo vorrei non fermarmi mai con l’insegnamento! Permettere a ragazzi e ragazze, bambini e bambine di apprendere e di migliorarsi per me è una fonte insauribile di gioia. Ovviamente vorrei farlo in un centro tutto mio, dove poter esprimere appieno tutto il mio potenziale sia come insegnante che come atleta.

Tu ti senti bella?: Si, e anche stavolta lo sport che pratico mi ha aiutato. Mi sento bella perchè ho ricevuto tanti benefici da quando ho iniziato pole dance, sia dal punto di vista fisico che, e soprattutto direi, dal punto di vista psicologica. La percezione di me stessa è notevolmente migliorata ed oggi mi sento perfettamente a mio agio “nei miei panni”.

osa significa per te essere bella?: Essere bella per me significa sentirsi a proprio agio nel proprio corpo, è essere consapevoli di come si è. E’ esaltare i propri punti di forza senza sentirsi oppressi da quelle piccole debolezze che ognuno possiede. Sentirsi bella per me è camminare per strada a testa alta senza alcun tipo di vergogna, è sentirsi fieri di essere esattamente come si è.

Ci sono stati momenti scoraggianti in cui stavi per mollare tutto?: I momenti scoraggianti ci sono stati e ci sono ancora oggi, ma si superano. Il trucco, per quanto mi riguarda, è non lasciarsi abbattere da quello che può essere un momento no. Quella particolare figura che non riesce, quel giro in spin che proprio non ne vuole sapere di uscire si superano con impegno, dedizione e costanza. Ogni tanto capitano momenti no anche alle mie allieve ma mi sforzo sempre di motivarle e supportarle dicendo loro che forse non è oggi il giorno in qui quel trick riesce, ma provando e riprovando arriverà il momento in cui verrà automaticamente, senza nemmeno pensarci troppo.
Il segreto è lasciare i problemi di tutti i giorni fuori dalla sala; questi spesso ci logorano mentalmente e ci condizionano durante l’allenamento. La nostra bravura deve essere quella di chiudere i pensieri in una scatola e per un’ora e mezza, dimenticarcene.

Quali sono le ragioni per cui una donna dovrebbe avvicinarsi alla Pole Dance?: Le ragioni possono essere tantissime sia che parliamo da un punto di vista fisico, che da un punto di vista psicologico o anche sociale. Durante il corso di pole le ragazze/donne migliorano il loro aspetto fisico è innagabile ma soprattutto migliorano il loro approccio al mondo esterno. Diventano più forti fisicamente e ciò le rende più forti mentalmente. Riuscire a fare figure che fino a poco tempo prima sembravano impossibili da a noi donne una forza immensa, ci rende tutte “Wonderwoman”! L’autostima migliora, perchè ci vediamo più belle, l’umore migliora, perchè lo sport rilascia endorfine, il cosiddetto ormone del benessere. Stando in gruppo stimoliamo l’aggregazione, il supporto reciproco.. molte delle migliori amicizie nascono in uno studio di pole dance e io sono testimone in prima persona di questa cosa!

Sul piano fisico in particolare quali sono i maggiori benefici?: La pole dance apporta al nostro corpo molteplici benefici! il corpo viene modellato dall’allenamento che facciamo al palo. Il sollevare il nostro peso porta invariabilmente ad un aumento della massa muscolare e a una perdita di massa grassa. Migliora la resistenza perchè fare combinazioni di più figure o coreografie permette di fare fiato, migliorano poi le capacità di coordinazione e flessibilità. La parte superiore è la prima parte che “risente” di questi cambiamenti positivi: vanno a delinearsi le spalle, le braccia, la schiena. Anche le gambe e i glutei di scolpiscono, rassodandosi e sfinandosi. Tutto ciò io l’ho sperimentato in prima persona!

È necessario integrare la pole con qualche altra attività tipo la corsa o la palestra?: Dipende da come ci si approccia a questa disciplina. se si fa pole solo per divertimento l’allenamento al palo è sufficiente; se l’obiettivo della poler è una competizione, una gara o anche una esibizione accanto alla pole sarebbe consigliabile svolgere altre attività come la corsa per migliorare fiato e resistenza, ma anche l’allenamento funzionale che permette alla poler di migliorare la potenza e la forza esplosiva, condizioni indispensabili alla riuscita dei trick.

Un consiglio a chi vuole iniziare?: Lanciarsi! Non bisogna avere paure o timori di sorta. Non bisogna pensare a quello che potrebbe dire la famiglia, il partner o la gente. Tutto sta nel partire, nel cominciare la lezione. Forse non tutto riuscirà al primo colpo ma il trucco sta nel non arrendersi e nel continuare a provare. Nella pole le soddisfazioni arrivano, a volte più in fretta a volte più lentamente ma arrivano, sempre!

Fiorinda Petillo Chi non danza non sa cosa succede,

in Intervista by
  • 08DED1124C29451FBA9278E523A553EA-1.jpg?fit=716%2C538

Chi non danza non sa cosa succede, è così che abbiamo deciso di aprire questo nostro nuovo appuntamento con la danzatrice di Pola Dance Fiorinda Petillo .  La danza dunque è un delicato equilibrio tra la perfezione e la bellezza, una parte essenziale di se stesso era stata trascurata dagli uomini. Siamo matti che si balli o non, così cita un famoso proverbio giapponese… così tanto vale ballare. Ballare è come sognare con i tuoi piedi! Cosi anche il nostro personaggio di oggi Fiorinda Petillo che si racconta dicendo che la sua vita è sempre stata caratterizzata da ‘movimento’ Sin da piccola, quindi per lei la danza come un grande paradigma di spazi infiniti, una vera opportunità per essere ciò che sei veramente.   

 

Chi non danza non sa cosa succede questo è il tema che abbiamo affidato a Fiorinda Petillo che ci parla in breve della sua esperienza nel pole dance, allora comè iniziata  la tua avventura?  La mia vita è sempre stata caratterizzata da ‘movimento’. Sin da piccola ho iniziato a praticare sport. Dai 6 ai 13 anni mi sono appassionata ai balli caraibici e di gruppo. Successivamente ho avuto un periodo di transizione, dove ho frequentato la palestra, non per seguire corsi come zumba fitness o crossfit etc, bensì l’utilizzo di attrezzi legati alla pesistica e alla tonicità del corpo. In seguito a perdita di stimoli ulteriori ho abbandonato e mi sono dedicatari fino ai 17/18 anni ai balli caraibici, abbandonati poi a causa dello studio. Una volta piombata all’università, avevo bisogno di un ‘passatempo’, di un qualcosa che mi sgombrasse la mente e a furia di guardare video online, mi sono imbattuta in un video di Pole dance. Da lì ho iniziato a frequentare corsi di Pole dance e successivamente di danza aerea (cerchio aereo e tessuto).

Riconoscimenti professionali esempio attestati: Essendo una persona sempre alla ricerca di nuovi stimoli, ho partecipato a molte gare di balli caraibici e di gruppo, dalle quali io e il mio gruppo abbiamo sempre ottenuto il primo o il secondo premio. Da quando ho iniziato ad avvicinarmi alle arti circensi ho avuto la fortuna di fare lezione con dei grandi artisti appartenenti a questo mondo, e a ricevere attestati di partecipazione in merito. Gli ultimi due con i quali ho avuto una bellissima esperienza sono stati il Workshop di hula hoop con Elisabetta Maddaluno e quello di floorwork & pole dance con Mario Turco. L’anno prossimo spero di poter partecipare all’Italia pole dance contest, una delle prime e grandi competizioni di pole dance in Italia. In futuro, forse, cercherò di ottenere il brevetto da insegnante, ma per il momento preferisco terminare gli studi.

Com’è la tua vita quotidiana fuori dallo sport?: L’allenamento è parte integrante della mia vita, e anche quando faccio altro, il mio pensiero è sempre lì. Ad ogni modo, oltre allo sport, studio alla Facoltà di Scienze Biologiche all’Università degli Studi di Napoli Federico II, lavoro come cameriera di sala in un locale e sono un’animatrice per bambini.
Inoltre, quando riesco a ritagliarmi un pò di tempo libero, amo stare con i miei amici, magari davanti ad una buona cena ed un bel calice di vino.

Sei una sognatrice?: Mi definisco una persona razionale, osservatrice acuta della vita e di ciò che mi circonda. Non amo portare la mia mente a qualcosa che non è realizzabile al contempo. Preferisco superare i miei limiti uno alla volta, gradino per gradino, piuttosto che arrivare al culmine in ascensore per poi sprofondare nel vuoto per mancanza di basi solide.

Oggi guardandoti allo specchio come ti definisci?: Oggi, allo specchio, vedo una Donna. Non è presunzione la mia, affatto. Semplicemente credo che le vicissitudini che hanno caratterizzato la mia vita fin’ora, mi abbiano portato a maturare più in fretta, ad avere responsabilità e consapevolezze che forse una ragazza della mia età non dovrebbe avere.
Oggi, allo specchio, vedo una persona forte, e non solo grazie ai muscoli.
Oggi, allo specchio, vedo una me fiera. Fiera e soddisfatta di ciò che ha ed ha avuto. Soddisfatta della persona che sono, con pregi e difetti.

Ci racconti tutto dall’inizio come ti sei avvicina a questo sport?: Mi sono avvicinata a questo sport per caso. Ero alla ricerca di un ‘qualcosa da fare’ e navigando su internet un giorno mi sono imbattuta in un video di Anastasia Sokolova, una delle pole dancer più forti e sensuali al mondo. Rimasi ipnotizzata da questa sua meravigliosa forza, e finì per guardare ogni suo video, tanto che ora è una delle mie preferite. Estasiata, mi misi alla ricerca di una scuola di Pole Dance e fui sorpresa di trovarla a pochi km da casa. Così tre anni e mezzo fa iniziai a praticare questo sport. Dopo circa un anno, riecheggiava alle lezioni un’atmosfera strana, ambigua. Non era più la solita atmosfera famigliare alla quale ero abituata. Ero nello sconforto perchè non volevo lasciare questa disciplina, mi stava regalando emozioni e progressi. Perciò mi misi di nuovo alla ricerca per trovare una nuova scuola, e poco dopo la trovai un pò più lontana da casa, ma non troppo. Tutt’ora frequento questa scuola di arti circensi e oltre alla pole dance, pratico anche cerchio e tessuto aereo.

Hai un motto?: ‘Never back down’ – ‘Mai arrendersi’
La vita è piena di ostacoli e noi siamo pieni di limiti. Non bisogna mai mollare, non bisogna mai scappare o andare via di fronte ad un problema. Bisogna combatterlo, o camuffarlo. Non importa come nè quando, bisogna affrontare i propri demoni, le proprie paure, per evitare che loro ti annientino.

Quali sono le tue aspirazioni future?: Le mie aspirazioni future sono legate alle mie priorità.
..e le mie priorità attualmente riguardano lo studio e lo sport.
In un domani, vorrei accorpare questi due elementi. Quindi il mio intento è quello di associare lo sport alla salute e all’alimentazione, magari con un programma del tutto unico e particolare.
Vorrei andare alla scoperta del mondo. Adoro conoscere usi e costumi di ogni popolo e cercare del bello nei posti più nascosti. Certe cose s’imparano più viaggiando che stando seduti davanti ad un pc. Prendere da ogni singolo posto parte di esso e inglobarlo in qualcosa di mio.
Insomma, il mio intento è quello di avere una mente sempre aperta, avere delle visioni sempre più ampie e aiutare le persone a fare lo stesso.

Tu ti senti bella?: La bellezza risiede negli occhi di chi la osserva.
La mia bellezza è data, non certo dall’aspetto estetico, quanto dal dualismo di bambina/donna che risiede in me.

Cosa significa per te essere bella? In molti casi, il concetto di bellezza è stato ridotto alla mera esteticità, ma in verità la bellezza risiede nell’anima di ognuno di noi.
La bellezza, per me, risiede in un adulto che a tratti cerca di ripristinare il bambino che è in lui;
La bellezza risiede nella bontà d’animo, nell’umiltà, nell’aiutare il prossimo senza niente in cambio;
La bellezza risiede nelle parole, nel saper ascoltare, senza voler per forza primeggiare nel discorso;
La bellezza risiede nell’eleganza, nei gesti quotidiani e in quelli occasionali;
La bellezza ha varie forme, ed è difficile, se non impossibile definirle tutte.
L’essere belli, a volte, significa soprattutto essere se stessi.

Ci sono stati momenti scoraggianti in cui stavi per mollare tutto?: Il primo anno di Pole dance l’ho praticato in una scuola differente da quella dove sono ora, e se all’inizio era tutto un ‘oh che bello’, con il tempo le cose sono cambiate. Quando entri a far parte di un gruppo speri sempre, per indole naturale, che ci sia armonia e solidarietà. Speri che il tuo insegnante ti guidi passo passo e ti aiuti nei momenti di sconforto. Purtroppo, però, per me non è stato così. Sicuramente senza questa scuola non avrei intrapreso questo percorso, per cui la ringrazio immensamente, ma la professionalità e l’umanità vanno certamente migliorate. Ero in bilico tra il lasciare e il cercare. Ho cercato, ho cercato e trovato un ulteriore luogo di insegnamento e mi ci sono fiondata subito. Ora vado a lezione con serenità e con sempre più la voglia di imparare.

Quali sono le ragioni per cui una donna dovrebbe avvicinarsi alla Pole Dance?: Quando si parla di Pole Dance, in Italia, bisogna ancora delineare la differenza che c’è tra essa e la Lap Dance. La prima è un connubio di ginnastica acrobatica e danza con la pertica; la seconda viene praticata nei night/strip club a scopo erotico.
Quindi quando ad una donna viene consigliata la Pole Dance, la sua prima reazione è sempre un pò dubbiosa. Però una volta capita la differenza, è difficile non provare.
Personalmente consiglio questa disciplina a tutti e non solo alle donne, perchè essendo uno sport completo, aiuta a tonificare e sciogliere il proprio corpo, oltre che a regalare molta autostima e forza.

Sul piano fisico in particolare quali sono i maggiori benefici?: La pole dance è uno sport intenso e completo, oltre che entusiasmante.
Richiede impegno, dedizione e la giusta preparazione fisica per incrementare forza, resistenza, flessibilità e coordinazione.
La pole dance permette di bruciare calorie e al tempo stesso di tonificare tutto il corpo. Già nei primi tre mesi di allenamento si potranno notare i primi risultati: le spalle si modellano, la schiena e le braccia si rassodano, il punto vita si assottiglia, gambe e glutei si scolpiscono e contemporaneamente diventano più forti e resistenti.

È necessario integrare la pole con qualche altra attività tipo la corsa o la palestra?: Non necessariamente. Bisogna capire lo scopo per il quale la si pratica.
Certamente è buono frequentare in contemporanea corsi di stretching per migliorare la flessibilità.

Un consiglio a chi vuole iniziare?: Se siete curiosi, l’unico consiglio che sento di darvi è prendere un borsone, mettere dentro una coulotte e un top, un asciugamano e una bottiglia d’acqua (non si va molto lontani senza) e cercare la struttura più vicina a voi per cominciare.

FOTO DI:  Gianni Russo

https://www.facebook.com/gianni.russo

Intervista a Laura Borgognoni la forza dei corpi

in Intervista by
  • AN_1361-1.jpg?fit=3050%2C4575
  • AN_1393-1.jpg?fit=3410%2C5115
  • AN_1469-1.jpg?fit=3695%2C5543
  • AN_1476-1.jpg?fit=3736%2C5604
  • AN_1525-1.jpg?fit=3329%2C4994
  • AN_1575-1.jpg?fit=2822%2C4232
  • AN_1952-1.jpg?fit=2840%2C4260

Nella foto:  Laura Borgognoni, Maura Corvini. 

Per la seconda cover di Pole Good abbiamo scelto di intervistare Laura Borgognoni veterana del polo Dance, la sua bravura è ammirata da migliaia di fans su Facebook. Poliedrica e testarda quando vuole, seconda Classificata “Soul On Pole” Modena 2018 e premio per miglior esecuzione tecnica – Seconda classificata Campionati Nazionali Pole Sport categoria Double 2016 con Maura Corvini. Per lei la vita è un riesame continuo sempre alla ricerca di nuove sfide. La sua filosofia di vita è vivere sempre al meglio ogni giorno. E tra i mille impegni siamo riusciti ad intervistarla. All’esordio della nostra prima domanda sul segreto del successo risponde cosi: non ci sono segreti, la passione, la forza di andare avanti nei momenti difficili, abnegazione assoluta questo è il segreto, alzarsi tutte le mattine ed allenarsi cosi Risponde Laura Borgognoni . Tra i suoi Riconoscimenti professionali 

-Attestato di Giudice di Pole Sport 2016 IPSAF (POSA Federation)
– Attestato di allenatore agonistico di Pole Sport (POSA FEDERATION) 2016

 

Parlaci dell’inizio della tua carriera: Ho iniziato a praticare la Pole Dance circa 4 anni fa, dopo aver frequentato per due anni un corso di tessuti aerei. Venendo io dal nuoto agonistico che ho praticato per 12 anni in età adolescenziale, inizialmente trovai molta difficoltà.
Ricordo che il mio corpo riusciva a migliorare molto velocemente nella forza, ma altrettanto lentamente nella flessibilità, dove incontrai più problemi. Feci la mia prima gara Nazionale di Pole Sport dopo appena 6 mesi, nella categoria intermedia (a suo tempo definita Professional) e mi classificai quarta in Italia.

Com’è la tua vita quotidiana fuori dallo sport?

Ho molti hobby che cerco di mantenere anche se spesso non è facile ritagliarsi del tempo.
Amo fare dei lavori manuali quindi mi diletto nel bricolage appena posso, nella cucina e nel cucito se ho un pò più di tempo.
Ho un fidanzato che non vedo molto a causa dei ritmi quotidiani ma è sempre presente nei momenti fondamentali.
Cerco di staccare appena posso perché ho capito l’importanza di dare svago al corpo e alla mente così da poter poi dare il massimo ogni volta che entro in palestra e dedicarmi alle mie allieve e alla scuola.
In realtà poi il mio pensiero è sempre un po’ dentro allo sport: avendo una scuola e ragazze all’interno che devono preparare le gare, il mio pensiero è spesso rivolto a loro e a studiare nuove routine da proporre.

Sei una sognatrice?

Direi di sì, mi piace sognare ma allo stesso tempo realizzare, quindi…perché sognare e basta? Abbiamo tutti mille sogni in testa e avvolte basta solo attivarsi per realizzarli.

Oggi guardandoti allo specchio come ti definisci?

Una ragazza felice di quello che fa e della sua vita, che ama il suo lavoro nonostante la stanchezza e che è cresciuta molto negli ultimi anni. Se ripenso a me qualche anno fa, ricordo una ragazza completamente diversa, con un’energia diversa. Oggi sono circondata da persone meravigliose che ogni giorno contribuiscono a rendere le mie giornate “speciali” e non smetterò mai di ringraziare le ragazze che frequentano la mia scuola per l’energia che ogni giorno mi trasmettono!

Ci racconti tutto dall’inizio come ti sei avvicina a questo sport?

Iniziai questo sport circa 4 anni fa perché appassionata di discipline aeree e dopo aver provato i tessuti, il cerchio e il trapezio senza troppo entusiasmo, decisi di mettermi in gioco per provare questa nuova disciplina.
Oltre a diventare una droga mentale, notai che il mio corpo reagiva molto bene al potenziamento migliorando decisamente di volta in volta, ma rispondeva in maniera molto più lenta allo stretching. Questo non mi bloccò e decisi di dare tempo al mio corpo… prima o poi le spaccate sarebbero arrivate. Dopo una prima fase di allenamenti molto intensi, dovetti fermarmi un po’ perché il mio corpo non era abituato a quei tipi di allenamento e le contratture erano sempre dietro l’angolo.
Mi innamorai subito di questa disciplina perché mi portava ad avere un controllo e una conoscenza del corpo che non avevo mai avuto.

Hai un motto?

Ascolta sempre il tuo corpo e assecondalo.

Quali sono le tue aspirazioni future?: Aspirazioni? Vivo la giornata come viene e le novità sono le mie aspirazioni principali. Al momento ho alcune gare in mente e le mie aspirazioni sono quelle di portare in scena quello che la mia mente partorisce di volta in volta.
L’aspirazione più grande che ho per me stessa è quella di conoscere il mio corpo e vedere fino a dove posso arrivare; in questi ultimi anni ha fatto molti cambiamenti e mi ha davvero stupita considerata la soglia dei 30 anni oramai superata. Per quanto riguarda la mia vita esterna….ci sono già arrivata.

Tu ti senti bella?: Io mi sento bene con me stessa, se poi significa sentirsi belli…non lo so.
CI sono giorni in cui romperei lo specchio, ma poi mi faccio coraggio e guardo da un’altra parte (scherzi a parte), ma ci sono giorni in cui mi alzo e mi sento bella, ma chissà perché…capita sempre la mattina dopo di quando è successo qualcosa di bello il giorno prima…chissà perché, dipenderà forse da noi?

osa significa per te essere bella?: Bella domanda..
Non c’è una definizione di “bella” credo: il concetto è talmente soggettivo che sarebbe difficile spiegarlo. Avvolte è bello ciò che ti fa star bene e non ciò che “visivamente” è bello.
Forse essere bella significa sentirsi bene con se stessi perché solo così emaniamo quell’energia che ci rende “belle”, solari; non sarà il mascara, il fondotinta o le unghie a renderci belle, ma il nostro sguardo, la nostra determinazione.
Si credo di sentirmi bella in quelle giornate in cui mi sento determinata, agguerrita e fiera di quello che faccio.

Ci sono stati momenti scoraggianti in cui stavi per mollare tutto?: …be, certo…
Sono stati momenti in cui le persone più vicine e anche le più inaspettate mi sono state vicino e mi hanno dato la forza e l’energia per far finta di niente e andare avanti.
Sicuramente è stato un passaggio fondamentale per la mia crescita caratteriale e ringrazio chi è stato artefice di questi momenti per avermi resa ancora più forte e decisa in quello che facevo.

Quali sono le ragioni per cui una donna dovrebbe avvicinarsi alla Pole Dance?: In primis?
perché ci si sente più belle e più sicure di se, a qualsiasi età!
Il fisico cambia già dopo le prime lezioni, anche se non visibilmente: ci si sente più toniche e più forti.
Oltre che uno sport, la Pole è una cura per la mente, questo lo dico sempre e lo riscontro anche nelle mie allieve! Sono tutte molto più sicure di se stesse e hanno superato molte paure che avevano all’inizio.
Alcune ragazze della mia scuola mi hanno confessato che la loro vita di tutti i giorni è cambiata: sono più decise, determinate in quello che fanno, ma come potrebbe essere diversamente? La pole Ti aiuta a superare i tuoi limiti e a fare quello che pensavi fosse impossibile

Sul piano fisico in particolare quali sono i maggiori benefici?: Faccio prima con un elenco:
– tonificazione di tutto il corpo
– miglior coordinazione
– aumento della percezione del corpo
– aumento della flessibilità
– miglioramento della postura a seguito del rafforzamento della schiena
Logico, non c’è da dimenticare che tutti questi benefici vengono meno se gli esercizi vengono eseguiti senza controllo di una persona esperta.

È necessario integrare la pole con qualche altra attività tipo la corsa o la palestra?

Credo che la Pole sia più che sufficiente. E’ una disciplina completa, anche troppo. Provai a suo tempo ad integrare delle lezioni di nuoto ma notai che il sovraccarico era dietro l’angolo. Un allenamento di Pole Dance prevede l’uso di tutti i mi scuola del corpo quindi qualsiasi altra cosa potrebbe portare ad un sovraccarico se fatto in maniera eccessiva.
Logico che una saba corsetta più aiutare ad aumentare la resistenza aerobica e non ha controindicazioni se fatta nella giusta maniera.
Sono comunque dell’idea che tutto può andare bene purché non si sovraccarichi; l’ascolto del corpo è fondamentale per migliorare la propria condizione.
Il mio consiglio è perciò di integrare con quello che si vuole e che reputiamo ci torni utile senza però sovraccaricare e rischiare il sovrallenamento. Personalmente integro con lezioni di danza quando ho tempo o un po’ di corsetta, ma il mio allenamento è prettamente a corpo libero senza uso di carichi esterni.

Un consiglio a chi vuole iniziare? La Pole dance è un percorso e non una disciplina che va frequentata a random. Il corpo ha bisogno di abituarsi al tipo di allenamento e andare una volta al mese non porterà benefici se non contratture o altro. Ascoltate il vostro corpo (non smetterò mai di ripeterlo) e se avete dei dolori fatelo presente al vostro allenatore. Allenarsi sopra a dei dolori può solo che peggiorare la situazione e se non accettate di stare a riposo per una settimana, poi rischiate di dovervi fermare per un mese.
Al di là di questo, credo che l’importante sia divertirsi e fare le cose con la giusta metodica perciò affidatevi alle persone giuste perché la Pole è tanto bella quanto pericolosa se fatta nella maniera sbagliata.
E’ comunque una disciplina adatta a tutti se affrontata bene, perciò, gip alla mano…e buon allenamento a tutti!

Grazie per averci concesso il tuo tempo ti facciamo un grande imboccalupo.

Per la seconda cover di Pole Good abbiamo scelto di intervistare Laura Borgognoni veterana del polo Dance. Oggi la sua bravura è ammirata da migliaia di fans su Facebook. Lei, poliedrica e testarda quando vuole, seconda Classificata “Soul On Pole” Modena 2018 e premio per miglior esecuzione tecnica – Seconda classificata Campionati Nazionali Pole Sport categoria Double 2016 con Maura Corvini. Per lei la vita è un riesame continuo sempre alla ricerca di nuove sfide. La sua filosofia di vita è vivere sempre al meglio ogni giorno della sua vita. Oggi E tra i mille impegni siamo riusciti ad intervistarla. All’esordio della nostra prima domanda sul suo segreto del successo risponde cosi: non ci sono segreti, la passione, la forza di andare avanti nei momenti difficili, abnegazione assoluta questo è il segreto, alzarsi tutte le mattine ed allenarsi cosi Risponde Laura Borgognoni , Atleta di Pole Dance, una ragazza solare, pratica

Riconoscimenti professionali esempio attestati

-Attestato di Giudice di Pole Sport 2016 IPSAF (POSA Federation)
– Attestato di allenatore agonistico di Pole Sport (POSA FEDERATION) 2016

 

Parlaci dell’inizio della tua carriera: Ho iniziato a praticare la Pole Dance circa 4 anni fa, dopo aver frequentato per due anni un corso di tessuti aerei. Venendo io dal nuoto agonistico che ho praticato per 12 anni in età adolescenziale, inizialmente trovai molta difficoltà.
Ricordo che il mio corpo riusciva a migliorare molto velocemente nella forza, ma altrettanto lentamente nella flessibilità, dove incontrai più problemi. Feci la mia prima gara Nazionale di Pole Sport dopo appena 6 mesi, nella categoria intermedia (a suo tempo definita Professional) e mi classificai quarta in Italia.

Com’è la tua vita quotidiana fuori dallo sport?

Ho molti hobby che cerco di mantenere anche se spesso non è facile ritagliarsi del tempo.
Amo fare dei lavori manuali quindi mi diletto nel bricolage appena posso, nella cucina e nel cucito se ho un pò più di tempo.
Ho un fidanzato che non vedo molto a causa dei ritmi quotidiani ma è sempre presente nei momenti fondamentali.
Cerco di staccare appena posso perché ho capito l’importanza di dare svago al corpo e alla mente così da poter poi dare il massimo ogni volta che entro in palestra e dedicarmi alle mie allieve e alla scuola.
In realtà poi il mio pensiero è sempre un po’ dentro allo sport: avendo una scuola e ragazze all’interno che devono preparare le gare, il mio pensiero è spesso rivolto a loro e a studiare nuove routine da proporre.

Sei una sognatrice?

Direi di sì, mi piace sognare ma allo stesso tempo realizzare, quindi…perché sognare e basta? Abbiamo tutti mille sogni in testa e avvolte basta solo attivarsi per realizzarli.

Oggi guardandoti allo specchio come ti definisci?

Una ragazza felice di quello che fa e della sua vita, che ama il suo lavoro nonostante la stanchezza e che è cresciuta molto negli ultimi anni. Se ripenso a me qualche anno fa, ricordo una ragazza completamente diversa, con un’energia diversa. Oggi sono circondata da persone meravigliose che ogni giorno contribuiscono a rendere le mie giornate “speciali” e non smetterò mai di ringraziare le ragazze che frequentano la mia scuola per l’energia che ogni giorno mi trasmettono!

Ci racconti tutto dall’inizio come ti sei avvicina a questo sport?

Iniziai questo sport circa 4 anni fa perché appassionata di discipline aeree e dopo aver provato i tessuti, il cerchio e il trapezio senza troppo entusiasmo, decisi di mettermi in gioco per provare questa nuova disciplina.
Oltre a diventare una droga mentale, notai che il mio corpo reagiva molto bene al potenziamento migliorando decisamente di volta in volta, ma rispondeva in maniera molto più lenta allo stretching. Questo non mi bloccò e decisi di dare tempo al mio corpo… prima o poi le spaccate sarebbero arrivate. Dopo una prima fase di allenamenti molto intensi, dovetti fermarmi un po’ perché il mio corpo non era abituato a quei tipi di allenamento e le contratture erano sempre dietro l’angolo.
Mi innamorai subito di questa disciplina perché mi portava ad avere un controllo e una conoscenza del corpo che non avevo mai avuto.

Hai un motto?

Ascolta sempre il tuo corpo e assecondalo.

Quali sono le tue aspirazioni future?: Aspirazioni? Vivo la giornata come viene e le novità sono le mie aspirazioni principali. Al momento ho alcune gare in mente e le mie aspirazioni sono quelle di portare in scena quello che la mia mente partorisce di volta in volta.
L’aspirazione più grande che ho per me stessa è quella di conoscere il mio corpo e vedere fino a dove posso arrivare; in questi ultimi anni ha fatto molti cambiamenti e mi ha davvero stupita considerata la soglia dei 30 anni oramai superata. Per quanto riguarda la mia vita esterna….ci sono già arrivata.

Tu ti senti bella?: Io mi sento bene con me stessa, se poi significa sentirsi belli…non lo so.
CI sono giorni in cui romperei lo specchio, ma poi mi faccio coraggio e guardo da un’altra parte (scherzi a parte), ma ci sono giorni in cui mi alzo e mi sento bella, ma chissà perché…capita sempre la mattina dopo di quando è successo qualcosa di bello il giorno prima…chissà perché, dipenderà forse da noi?

osa significa per te essere bella?: Bella domanda..
Non c’è una definizione di “bella” credo: il concetto è talmente soggettivo che sarebbe difficile spiegarlo. Avvolte è bello ciò che ti fa star bene e non ciò che “visivamente” è bello.
Forse essere bella significa sentirsi bene con se stessi perché solo così emaniamo quell’energia che ci rende “belle”, solari; non sarà il mascara, il fondotinta o le unghie a renderci belle, ma il nostro sguardo, la nostra determinazione.
Si credo di sentirmi bella in quelle giornate in cui mi sento determinata, agguerrita e fiera di quello che faccio.

Ci sono stati momenti scoraggianti in cui stavi per mollare tutto?: …be, certo…
Sono stati momenti in cui le persone più vicine e anche le più inaspettate mi sono state vicino e mi hanno dato la forza e l’energia per far finta di niente e andare avanti.
Sicuramente è stato un passaggio fondamentale per la mia crescita caratteriale e ringrazio chi è stato artefice di questi momenti per avermi resa ancora più forte e decisa in quello che facevo.


Quali sono le ragioni per cui una donna dovrebbe avvicinarsi alla Pole Dance?: In primis?
perché ci si sente più belle e più sicure di se, a qualsiasi età!
Il fisico cambia già dopo le prime lezioni, anche se non visibilmente: ci si sente più toniche e più forti.
Oltre che uno sport, la Pole è una cura per la mente, questo lo dico sempre e lo riscontro anche nelle mie allieve! Sono tutte molto più sicure di se stesse e hanno superato molte paure che avevano all’inizio.
Alcune ragazze della mia scuola mi hanno confessato che la loro vita di tutti i giorni è cambiata: sono più decise, determinate in quello che fanno, ma come potrebbe essere diversamente? La pole Ti aiuta a superare i tuoi limiti e a fare quello che pensavi fosse impossibile

Sul piano fisico in particolare quali sono i maggiori benefici?: Faccio prima con un elenco:
– tonificazione di tutto il corpo
– miglior coordinazione
– aumento della percezione del corpo
– aumento della flessibilità
– miglioramento della postura a seguito del rafforzamento della schiena
Logico, non c’è da dimenticare che tutti questi benefici vengono meno se gli esercizi vengono eseguiti senza controllo di una persona esperta.

È necessario integrare la pole con qualche altra attività tipo la corsa o la palestra?

Credo che la Pole sia più che sufficiente. E’ una disciplina completa, anche troppo. Provai a suo tempo ad integrare delle lezioni di nuoto ma notai che il sovraccarico era dietro l’angolo. Un allenamento di Pole Dance prevede l’uso di tutti i mi scuola del corpo quindi qualsiasi altra cosa potrebbe portare ad un sovraccarico se fatto in maniera eccessiva.
Logico che una saba corsetta più aiutare ad aumentare la resistenza aerobica e non ha controindicazioni se fatta nella giusta maniera.
Sono comunque dell’idea che tutto può andare bene purché non si sovraccarichi; l’ascolto del corpo è fondamentale per migliorare la propria condizione.
Il mio consiglio è perciò di integrare con quello che si vuole e che reputiamo ci torni utile senza però sovraccaricare e rischiare il sovrallenamento. Personalmente integro con lezioni di danza quando ho tempo o un po’ di corsetta, ma il mio allenamento è prettamente a corpo libero senza uso di carichi esterni.

Un consiglio a chi vuole iniziare? La Pole dance è un percorso e non una disciplina che va frequentata a random. Il corpo ha bisogno di abituarsi al tipo di allenamento e andare una volta al mese non porterà benefici se non contratture o altro. Ascoltate il vostro corpo (non smetterò mai di ripeterlo) e se avete dei dolori fatelo presente al vostro allenatore. Allenarsi sopra a dei dolori può solo che peggiorare la situazione e se non accettate di stare a riposo per una settimana, poi rischiate di dovervi fermare per un mese.
Al di là di questo, credo che l’importante sia divertirsi e fare le cose con la giusta metodica perciò affidatevi alle persone giuste perché la Pole è tanto bella quanto pericolosa se fatta nella maniera sbagliata.
E’ comunque una disciplina adatta a tutti se affrontata bene, perciò, gip alla mano…e buon allenamento a tutti!

Grazie per averci concesso il tuo tempo ti facciamo un grande imboccalupo.

1 6 7 8
Go to Top