FLAVIA BUSTOS… Los invitamos a conocerla.

“Disfruten cada pequeño logro, escuchen sus cuerpos y respeten sus tiempos”  es el mensaje de Flavia Bustos, una cordobesa que aspira a seguir representando a la Argentina en torneos mundiales. Enfocada en sus entrenamientos, nos enseña que la práctica del Pole puede aplicarse con fines deportivos, coreográficos, artísticos y recreativos…todo es posible. Los invitamos a conocerla!

  • Flavia, nos contarías cómo llegaste al Pole Dance?
  •  

    Desde que dejé la gimnasia rítmica pasé por variadas actividades deportivas y no terminaba de encontrar algo que me apasionara. Un día ví fotos de la actividad, me pareció muy interesante y empezó la búsqueda. En el 2010 me contacté con una academia de pole donde comencé y aunque me costó bastante me enamoró. Combinaba todo lo que yo quería: fuerza, flexibilidad, danza y un buen ambiente de clases donde uno puede recrearse mientras aprende.

    • Tienes experiencia en competencias?

    Compito desde el 2011 que comencé a entrenar en la academia Training Shoes donde una compañera de clases me invitó a participar y no paré más.

    • Cómo es tu vida fuera del deporte ?

    Soy Profesora de Educación Física. Actualmente me estoy desempeñando como Preceptora, Profesora de Gimnasia Rítmica y de Stretching.

    • Cuáles son los momentos más lindos dentro del Pole?

    Los momentos más lindos son los entrenamientos en equipo, cuando hay un objetivo claro. El compañerismo que se genera para lograr cada movimiento, secuencia o coreografía es lo que hace hermoso practicar este deporte. Siempre se está acompañado para lograr cada meta tanto por compañeros e instructores de pole como por el profesor de danza, preparador físico, etc. Y también la familia que se suma a cada propuesta cooperando con sus tiempos y apoyo. 




 

  • Tienes alguna frase que te identifique?

Siempre que dudo de mis decisiones intento recordar las frases “No hagas lo que no quieres que otros te hagan a tí” y “Cosechas lo que siembras”. Suelen aplicarse a muchas instancias de mi vida.

  • Cuáles son tus aspiraciones futuras?

Poder lograr estabilizarme laboralmente y continuar con mis entrenamientos mejorando mi nivel para poder volver a representar a Argentina en algún torneo  mundial.

  • Porqué crees que una mujer debería acercarse al Pole?

Porque es muy probable que se enamore. Que se apasione de poder encontrarse y desafiarse mientras disfruta de cada progreso personal y la mejora de sus condiciones físicas. Las posibilidades que ofrece son muy variadas. Puede practicarse con objetivos deportivos, artísticos, coreográficos, competitivos o recreativos por lo cual se adapta a diferentes tipos de personalidades y situaciones personales. Las clases se transforman en espacios de socialización muy interesantes y divertidos.


 

  • Es necesario combinar el pole con otra actividad deportiva?

Depende de los objetivos personales con que se practica, dependerá con que actividades acompañará este deporte. Si desea lograr un nivel técnico avanzado puede complementarse con gimnasio y flexibilidad. Si el objetivo es competir será necesario sumar trabajos de danza, teatro y acrobacias. La necesidad de complementar irá apareciendo a partir de los anhelos de quién practica, y desarrollarlos será tan satisfactorio como el deporte mismo.

  • Quieres dejar algún mensaje para quienes se inician en la disciplina?

Que disfruten cada pequeño logro, escuchen su cuerpo y respeten sus tiempos. Cada clase logramos algo de lo que debemos estar orgullosos, disfrutenlo sin compararse.

 

  • Música que prefieras?: Varío mucho pero destacaría Rock Nacional y PopRock

  • Signo del Zodíaco: Aries

  • Lugar donde naciste?: Cordoba Capital

  • Lugar donde vives? Córdoba Capital

  • Premios? menciónelos.

3° Pole Style 2011 Categoría Profesional

3° Córdoba PoleCampionship 2012

1° Torneo Provincial de Pole Sport – A.C.P.S

2° Torneo Nacional de Pole Sport – IPSF – Categoría Profesional

2° Torneo Nacional de Pole Sport – IPSF – Categoría Profesional

1° Pole Convention – Categoría Stars – Pole Art

2° Pole Theatre Argentina Categoría Elite- Drama

3° Elévate Lationoamérica – Categoría Profesional – Drama


https://www.youtube.com/watch?v=8hiWPtBkxnQ&list=PLbPEoGXzHx1lsddn1vI6PgCJHbdmollO4&index=2&t=0s

Gracias Flavia por permitirnos ingresar por unos momentos, a una parte de tu historia…

El Equipo de POLEGOOD Magazine

Andrea Vélez González… Biografía.

Andrea, una sagitariana nacida en Guadalajara, México, encontró en el Pole su forma de vivir, de expresarse y de sentir… Hoy la presentamos.

FICHA PERSONAL

Habilidades y Destrezas:

Practico pole dance.

Intereses Personales y Pasatiempos:

Me gusta leer, escribir poesías y ver caricaturas.

Premios Ganados:

  • 1er Puesto Categoría Elite, Pole gala 2015 , Monterrey, México.
  • 3er Puesto Categoría Elite, Elévate Pole Championship Latinoamérica 2016

Tu trabajo actual:

Instructora de Pole Dance.

Momentos Importantes de la vida:

Los mejores momentos de mi vida son los que paso con mi familia y mis amigos. Uno de ellos fue una vez que fuimos en familia a hacer ejercicio y nos divertimos mucho.

Cual es el mensaje motivador que te gustaría dejarnos?:

“Cuando tengas un sueño, trabaja para hacerlo realidad, no dejes las cosas al destino o a la suerte.”

:Nombre: Andrea

Apellido : Vélez González

Fecha de Nacimiento : 18 de diciembre de 1991

Información sobre los estudios realizados:

Licenciada en Cultura física y deportes.

FRANCO BURNA:Estilo de Muestra

Los movimientos fueron sutiles, las líneas eran perfectas, se notaba en cada movimiento los años de danza que recorrían su cuerpo y el esfuerzo era apenas un grácil ademán que definía cada fibra muscular, generando una atmósfera de embelesamiento en la platea, que no puede evitar asombrarse luego de cada una de sus presentaciones. Nuestro personaje de hoy, es Franco Burna, quien nos cuenta un poco de su vida… de su historia.

Franco, nos contarías como llegaste al Pole Dance?

No conocía el pole dance hasta el año 2013, cuando en una audición me pidieron presentar una coreografía de pole. Ahí fue cuando me contacté con mi amigo Nico Plaza para que me diera una mano y allí fue mi primer clase de pole. En aquel momento ,no me despertó curiosidad ya que aún bailaba. Luego ,en Agosto del  2015 por medio de Nico me llaman de Art Dance, una importante escuela de Pole de la ciudad de Buenos Aires, por unos remplazos para clases de elongación. Y en Septiembre de ese mismo año, comencé a tomar clases.

Además del Pole, que otras actividades realizas ?

Dejé de bailar uno o dos años antes de comenzar con pole y por el momento es la unica actividad física que realizo. Por otro lado, estudio diseño de alta costura que siempre fue uno de mis anhelos, desde chico.

Podrías contarnos cuáles fueron los mejores momentos de tu carrera, como atleta de Pole?

Pienso que no hay mejores ni peores momentos en mi carrera, solo son momentos y de ellos, uno aprende. Los olvidas o los tienes muy presentes. Camino al mundial de Pole Theatre 2016 en Praga, mi madre estaba sentada a mi lado. En ese momento nos miramos y le dije, -“hoy, ese momento tan triste en el colectivo se convierte en nuestra anécdota”. Sin duda, ese fue el día en el que arriba del escenario la adrenalina era insuperable porque ella estaba allí. Ese momento de gloria fue sólo para ella. La anécdota del colectivo  a la que me refiero, fue cuando viajabamos a visitar a mis primos. Recuerdo haber estado esperando sentado al fondo del colectivo que Mamá pagara el pasaje cuando de pronto alcancé a ver que lloraba… pues no le alcanzaban las monedas para el viaje. Una señora la ayudó. Luego se acercó, se sentó al lado mío, y sin aguantar mis lágrimas, le dije – “este momento tan triste el dia de mañana será una anécdota porque cuando empiece a recorrer el mundo con mi arte, vos serás la primera persona que estará junto a mí.

http://www.polegood.com/franco-burnaestilo-pole-dance/

Un post condiviso da sfogliarenews (@sfogliarenews) in data:

Franco, cuál es tu frase o lema que te motiva?

Una de las frases que siempre me motiva es “vale la pena el fruto cuando detrás hubo tanto sacrificio.”

Qué beneficios consideras que aporta el Pole Dance a tu vida?

Muchas veces me han preguntado, que es lo que siento al estar en el escenario… Y no tengo la respuesta porque es una sensacion única e inexplicable y lo mejor es que el público pueda captar eso de diversas maneras, como cuando escuchas esa canción que te pone la piel de gallina. Proyectar esa cosa que te remueve por dentro y hacerlo sentir a los demás. Y no lo tomo como un beneficio de mi vida sino como el alimento del espíritu.

Cuáles son las disciplinas que te complementan como atleta de Pole Dance?

Sin duda la conciencia que me ha dado la danza, me complementa mucho a la hora de entrenar, porque me permite manipular desde otra perspectiva la técnica.

 Qué mensaje te gustaría dejarnos ?

Pienso que hoy en dia es todo muy automatizado. Debemos vivir como si fuera el ultimo dia, disfrutar, reir, gritar, llorar, bailar, lo que sea, pero romper con la estructura y hacer lo que mas queremos. No nos llevamos nada de esta vida pero si le dejamos a los que quedan lo que hicimos, lo que fuimos y todo lo que logramos, ya sea mínimo, es algo que fue nuestro.

          Desde ya, muchas gracias a ustedes por brindar la oportunidad de que la gente nos conozca un poco más a los que representamos con orgullo a este país y su gente.

  • Donde Naciste?: Gualeguaychú (Entre Ríos)
  • Donde vives? Ciudad de Buenos Aires
  • Signo del zodíaco? Acuario
  • Música preferida? De todo un poco
  • Premios? Menciónelos
  • Campeón Overall Pole Theatre Argentina 2016
  • Campeón Santa Fe Pole Championship 2016
  • Campeón Pole Theatre World Praga 2016
  • Campeón Categoría Profesional Sudamericano 2016
  • Campeón Pole Theatre Argentina Categoría Drama con Maria Julia Aguiar y Overall 2017
  • Campeón Categoría Elite Metropolitan Pole Championship 2017
  • Campeón Latinoamericano Elévate Pole Championship Chile 2017 Categoría  Sport, Art y Overall Winner.

 

Gracias por permitirnos difundir algunos aspectos de la vida de los atletas de Pole Dance.

Vanesa S. Zylinski.- POLEGOOD Magazine

Màrion Crampe:la danza de la armonía

 

Màrion Crampe, is a French athlete, who, despite her youth, has a very successful and successful journey as a figure of Pole Dance. This reference, is owner of an incredible plasticity that when deployed in her performances on the pole, transports the audience to universes where her body constantly challenges her abilities without leaving aside her charms, delicacy …

Màrion Crampe, our athlete interviewed.

  • Màrion, would you tell us how you got to Pole Dance?

I always like Dance since I can remember, even though I wasn’t good at it.
In 2006 in Paris, a friend brought me to my first pole class. Lolo Hilsum was the teacher and if you ask her she will tell you how bad I was. But I felt in love and I kept training and believing I can improve and have so much fun. Definitely I didn’t expect a that time. Pole will rock my entire life. For Good.

How is your life outside of sport?

Sport is part of my life. I practice many others than Pole. I’m grateful to have a sport passionate husband so we can share this together too.
It is truly fantastic to be able to have that as I’m truly passionate about moving.

Within your career as an athlete of the Pole, what moments would you highlight?

It is pretty hard questions as I have so many good memories.
Maybe I will talk about this performance in 2012 at the Swiss Pole Show. Probably one of the master moments on stage.
This routine has been choreographed by my dear talented friend Manuela Carneiro. During that piece I felt…at peace. And I will cherish that memory forever.

https://www.youtube.com/watch?v=aacl17os-Ys

Any phrase identifies you?

Mmmm, let me choose between few mantras that I cultivate carefully in my practice and every day’s life.
“I believe I can”
“ Do it to the fullest, avec Passion”.
“ Twist Your Body”

According to your experience, what are the benefits that the discipline of Pole Dance brings to the athletes who practice it?

There are many benefits all different depending each individual.
From a personal experience, I learnt at first to take more care of myself and to love myself better.
I discovered how unique and strong I could be.
I think I truly met the amazing humans in the pole community that I’m blessed to call FRIENDS.
I have a job that makes me so happy and joyous.
I keep discovering every day more about my own self and others.
It is a never-ending learning and discovering incredible adventure.

With what other disciplines do you complement this activity?

I don’t really “complement”.
I practice because I like, because it makes me happy.
I swim, run, bend, dance and laugh a lot ahahahhah.

A message that you want?

To trust yourself.
I’m a firm believer that so much can be achieve if you start give yourself trust and self Love.
Talk wisely with your body as its can hear you.
Enjoy every stage of the process (the nice and less gentle ones). They all bring you somewhere.

  • Where were you born: Lourdes, France.
  • Where do you live: With my husband in Girona , Catalunya.
  • Zodiac sign: Aries
  • Music you prefer: all kind. I’m super open on that point.
  • Awards, mention them:
  • 2nd Runner Up Ultimate Champion IPC 2014
  • Pole Idol 2013
  • 2nd Runner Up at World Cup in Río de Janeiro
  • French National Champion 2012
  • Best Show Award at Aerial International Competition 2011 in Bern
  • 1st Runner Up at French Pole Championship 2010

Credit Photos: Lamerhorse; Spencer Sweeney è Jan Teller.

Ilaria Pallotti: oltre la forza di gravità

Si chiama Ilaria Pallotti un talento apparentemente fragile, ma fa colpo ogni volta sul pubblico per la sua forza e capacità di sfidare se stessa ogni volta… ancora all’inizio della sua carriera Ilaria ha già collezionato premi e grandi soddisfazioni come Tornei regionali e nazionali di ginnastica artistica e per cinque anni consecutivi oltra al premio internazionale di coreografia, e fascia di Miss Sport Marche. Un percorso fatto di sacrificio e pressioni che ha portato Ilaria ad essere una delle atlete più promettendo dello scenario nazionale ed interazione della ginnastica artistica, segno zodiacale gemelli Ilaria fa fede sempre al suo motto: Crederci sempre, arrendersi mai.  Dunque una donna che crede veramente alla sue capacità di artista corpo e anima, il sapersi spingere oltre ed oltre ancora, capace di sorprendere con le sue performance ogni volta… Oggi Noi di POLE GOOD ne abbiamo parlato con lei, ed ecco la sua intervista.

Ilaria ci racconti in breve il tuo percorso formativo ?

 Pratico ginnastica artistica dall’età di 3 anni, a livello agonistico. Quest’anno ho intrapreso il percorso di Miss Italia, conquistando la fascia di Miss Sport Marche. Questo mi ha permesso di fare la modella e la madrina a diversi eventi sportivi.

Di solito per far conoscere meglio la persona intervistata  facciamo sempre la domanda di rito: come è nata questa tua passione?

Già da piccola i miei genitori mi hanno fatto conoscere il mondo dello sport, praticavo sia danza classica che ginnastica artistica. La prima mi ha dato una base importante soprattutto per il portamento, ma la ginnastica artistica mi è entrata nel cuore ed è diventata la vera passione, che ancora seguo.

Oggi guardandoti allo specchio come ti definisci?

Mi definisco una ragazza determinata, che porta sempre a termine ciò che inizia anche quando il traguardo è lontano e la strada da percorrere è piena di ostacoli. Mi vedo sempre appoggiata dalla mia famiglia e circondata dalle mie amiche e dalle persone per me importanti.

Cosa ti piace di questo sport?

 Io penso che lo sport sia molto importante per la vita di ognuno. Essenziale nella ginnastica artistica è il lavoro di squadra, per migliorarsi. In questo sport devi dare tutto te stesso, dimostrare gli sforzi e i sacrifici che hai fatto negli anni, soprattutto in gara. Ma lo fai per te, non per gli altri o per i giudici. Solo per te, perché tu sai che puoi farlo, perché se sei arrivato fino a lì hai delle capacità tali da riuscire a farlo. Penso che questa sia la vera vittoria. Sono sempre stata dell’idea che è molto più importante partecipare che vincere, partecipare sapendo di aver dato tutto te stesso. Perché il vero vincitore è colui che riesce a superare sempre i propri limiti , colui che non molla ma che ci ha provato in tutti i modi. Non sempre si riesce a vincere, ma bisogna anche imparare a perdere. Accettare la sconfitta. Perché si può vincere soltanto se si è stati sconfitti almeno una volta.

 

Cosa significa per te essere bella?

Penso che la bellezza nella società contemporanea può essere il passaporto per iniziare un percorso, ma sicuramente non basta. Per me è più importante la bellezza interiore e una donna con dei sentimenti e un cervello ha molto più fascino di una bellezza fredda e statuaria.

Credi in Dio ? o meglio a cosa credi?

Si, sono cristiana. Sia per i valori che mi hanno trasmesso i miei genitori, sia per mia scelta ora che sono più grande. Spesso trovo l’aiuto che mi serve rifugiandomi nella preghiera.

Pensi che questo spot ti abbia cambiato? e se si in cosa?

Questo sport mi ha fatto capire quanto sia importante il lavoro di squadra. Avere qualcuno affianco che ti possa sostenere è un dono prezioso. Mi ha aiutato tanto nella scuola, sia nel riuscire ad affrontare un’interrogazione o un’esame con la stessa grinta con cui affronto una gara, sia nel rinforzare la mia memoria, grazie alle coreografie complesse e lunghe imparate pochi giorni prima.

Molte volte si sente parlare di un eccessivo utilizzo di integratori tu cosa ne pensi a riguardo?

Io sinceramente non li ho mai usati. Ognuno fa ciò che vuole e fa delle scelte opportune per il proprio corpo. Ma penso che chi ne fa uso non dovrebbe abusarne, perché possono essere dannosi per l’organismo.

Ci sono stati momenti scoraggianti in cui stavi per mollare tutto?

Tante volte, facendo il Liceo Classico, mi sono ritrovata in periodi difficili, in cui dovevo riuscire a conciliare lo studio e lo sport. Sarebbe stato più semplice mollare tutto e concentrarmi solo sulla scuola, ma è proprio lo sport che mi dava la forza di continuare a lottare perché io ero convinta che sarei riuscita a raggiungere i miei obiettivi in entrambi i campi.

Credi nell’amore?

Credo che l’amore possa salvare il mondo. Ebbene sì, sono un’incredibile romantica. Penso che ne servirebbe di più in tutti gli ambiti, meno invidia e cattiveria, più amore e gentilezza.

 

il tuo rapporto con l’ambizione?

Per tutte le cose bisogna saper stare nel mezzo, senza esagerare. Anche per l’ambizione, secondo me è così; penso che la giusta misura di ambizione è utile per raggiungere i propri traguardi.

Come definisci il tuo stile o meglio che capo di abbigliamento non deve mai mancare nel tuo guardaroba?

Da buona ginnasta ho l’armadio pieno di body, ma adoro vestirmi elegante e mettermi un paio di tacchi

Come ti piacerebbe essere ricordata da 100 anni?  Come una donna serena e dolce, sempre coerente con i propri valori morali; ricordata con affetto e positività da chi anche per poco tempo ha condiviso un tratto di strada con me.

il tuo rapporto con i social?

Mi piace poter condividere la mia vita sui social e credo che oggigiorno siano un mezzo importante per comunicare. Ma non bisogna immergersi troppo in essi e riuscire a distinguere la vita reale da quella virtuale.

Una tua citazione una frase che ripeti spesso:

Una frase che ripeto spesso è: “Non sceglierò mai ciò che è facile”

Sei ottimista o pessimista sul futuro?

Sono fortemente ottimista sul futuro. L’anno prossimo intraprenderò un nuovo percorso universitario, che credo e spero mi possa portare lontano.

Chi sono dei riferimenti o una persona in particolare che ti ha aiutato a nei momenti più difficili?

La mia famiglia, che condivide con me sia i momenti di gioia che quelli più difficili, sostenendomi e consigliandomi sempre.

Tre consigli che daresti per chi si avvicina a questo sport? : Sapersi mettere in gioco, non mollare nei momenti di difficoltà e saper fare gioco di squadra

Se potessi tornare indietro, faresti qualcosa di diverso a livello professionale ?

No, se tornassi indietro non cambierei niente. Quello che ho fatto e che ho intenzione di fare sono tutte scelte consapevoli.

Un ultima domanda … il senso della vita?

È difficile rispondere a questa domanda. Sicuramente tutti noi abbiamo una missione ed è vivere secondo quello che ognuno ritiene il modo migliore, senza un standard predefinito, naturalmente portando rispetto e gratitudine per quello che ci è stato donato. L’importante è riuscire a vivere senza sprecare la propria vita e vivendola senza avere rimpianti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

tutti i diritti delle immagini sono riservate a credit photo Franco Fasciolo

http://www.francofasciolo.com/

https://www.facebook.com/francofasciolo

Raffaella Gianfrano: sapersi distinguere

L’intervista di oggi è con Raffaella Gianfrano  napoletana doc insegnante e ballerina di Pole Dance per lei la vita  e come un paradigma tra spazio tempo indefinito, al centro del suo equilibrio un gioco, una forte attrazione per il Pole Dance. Il suo segno zodiacale è Gemelli, ama ballare sulle note di alcuni pezzi musicali come  The way you make me feel di Michael Jackson,  solare, passionale, creativa oggi ascoltiamo la sua intervista.

Iniziamo con la prima domanda: come ti sei avvinata al Pole Dance

Non lo dimenticherò mai. È stato amore a prima vista. Sono sempre stata una tipa sportiva, mi sono sempre dedicata al fitness, tutti i giorni per almeno 4 ore al giorno, ma mancava qualcosa… mancava quella sensazione di sfida, di passione che poteva spingermi oltre le mie potenzialità. Poi nel 2011 , per puro caso un amica mi ha indirizzato presso una scuola dove si praticava la pole dance, che ancora in quegli anni a Napoli era una disciplina al quanto sconosciuta. È bastata una sola lezione di prova per capire che da quel mondo non mi sarei più staccata. Ed è stato così. Mi ci sono buttata a capofitto, allenandomi quasi 6 giorni su sette , per ore e non ne avevo mai abbastanza. Dopo poco tempo ho deciso di prendere il brevetto da istruttrice e da lì tutta la mia vita, non solo privata ma anche lavorativa è dipesa da questa mia passione. Il mio amore è diventato pane quotidiano. Ho fatto gavetta, tanta, ho avuto delusioni private e professionali, ma non mi sono arresa ed ho continuato. Ho collaborato in alcune strutture e poi ho deciso di camminare da sola. Ho studiato tanto, sostenendo numerosi workshop formativi, ho fatto un percoso privato approfondito qui a Napoli con Valeria Ludione che mi ha dato le basi tecniche adatte a diventare una atleta migliore. Ho cercato di portare in più grandi artisti del panorama internazionale a Napoli per avere e dare la possibilità di studiare e “rubare” il sapere di questi grandi atleti e farne tesoro. Ho cercato di completarmi come istruttrice sostenendo anche un lungo corso di personal trainer tecnico fipe, per essere preparata nel migliore dei modi per i miei allievi. Ho avuto anche tante delusioni come insegnante… ma anche enormi soddisfazioni. Il mio orgoglio più grande è vedere i miei allievi crescere ed essere felici del lavoro che svolgono , i loro sorrisi sono il mio specchio. Il mio obiettivo è di diffondere questa meravigliosa disciplina nel migliore dei modi, con allegria si, ma anche con estrema serietà, impegno e dedizione , perché le passioni devono essere nutrite ed alimentate.
Quest’anno il passo mio più importante… la fondazione della mia associazione AERIAL WARRIORS NAPOLI, nata dalla collaborazione con la mia prima allieva e poi amica, sorella , collaboratrice Mariagrazia Manzo, colei che per me è la mia punta di diamante.

Quante gare hai fatto e con quale risultato? Non ho mai sostenuto gare, sono sempre stata un po’ restia a sostenerle in quanto, non si direbbe ma, sono davvero timida. Ho preparato alcune mie allieve per la Pole Position di Modena e ne sono stata davvero orgogliosa. Non escluderei un giorno di poter partecipare ad una gara, sarebbe una bella sfida da lanciare a me stessa ,ed io sono una che si mette in gioco spesso.

Com’è la tua vita quotidiana fuori dallo sport?: Bella domanda, mi viene da sorridere perché lo sport è la mia vita. Lo amo,
Mi fa stare bene e non mi annoia mai. Ma le mie passioni sono infinite. Amo viaggiare, leggere, esplorare, conoscere nuovi posti. Amo l’arte, mi sono laureata in Restauro di Opere d’Arte e dedicarmi a dipingere o andare a guardare una mostra mi riempie il cuore di gioia. In realtà sono molto solitaria e ritagliarmi degli spazi dedicandomi alle cose che amo fare mi fa stare bene.

Quali sono i momenti più belli legato al Pole Dace? : Beh non ti dirò gli spettacoli perché quelli fanno parte del gioco. Piuttosto mi viene da pensare alle risate fatte con le vecchie compagne di corso, oppure ai momenti di gioia visti negli occhi dei miei allievi quando gli riuscivano dei trick. Oppure ancora essermi sentita al settimo cielo quando finalmente riuscivo in una presa che mai avrei pensato di fare. Insomma dentro di me porto una valanga di bei momenti legati alla pole.

Hai un motto?: Vietato arrendersi! Non dire mai non ce la faccio.
Non sopporto queste frasi, nulla è impossibile, i limiti sono sempre e solo nella tua testa. Ci vuole tempo? Bene! Abbiamo una vita intera per cadere e rialzarci!

Quali sono le tue aspirazioni future?: Essere un bravo coach. Non desidero altro. Vedere i progressi degli allievi, vederli superare i propri limiti, mi fa stare bene ed è quello che mi spinge a non smettere mai di studiare ed allenarmi, per trasmettere tutto quello che so a chi ha la mia stessa passione

Ci sono stati momenti scoraggianti in cui stavi per mollare tutto?: Assolutamente si. Tanti , in continuazione. Capita perché non ti senti bravo, capita perché ti senti fallito quando un tuo allievo ti critica oppure non è soddisfatto di te. Capita quando ti voltano le spalle oppure non ti dicono mai grazie. Ma è la vita, e la passione ha un potere più grande dello sconforto. Il punto è che non mi piace arrendermi e continuerò a nutrire questo mio amore. Amo ed odio la pole, ma senza di lei proprio non ci so stare

Quali sono le ragioni per cui una donna dovrebbe avvicinarsi alla Pole Dance?: Dal mio punto di vista credo che come prima cosa renda più forti e non intendo solo fisicamente ma soprattutto ti forgia nel carattere. Insomma devi affrontare momenti di sconfitta con te stessa, per non parlare poi degli acciacchi fisici (i nostri amati lividi). Fa aumentare l’autostima e ti rende il corpo una favola. Oltre a portare poi benefici per la salute in quanto aumenta la forza, aumenta l’elasticità e migliora la circolazione. Insomma cosa volere di più?

Sul piano fisico in particolare quali sono i maggiori benefici?: Con lo giusto stile di vita e alimentazione sana, il tuo corpo si trasforma. Diventa tonico e forte e soprattutto non ha bisogno di una maschio per comperare le casse d’acqua al supermercato!

È necessario integrare la pole con qualche altra attività tipo la corsa o la palestra?: Nei ritmi e tempi giusti combinare più attività fisiche fa benissimo. L’importante è affidarsi a tecnici competenti e non fare di testa propria

Un consiglio a chi vuole iniziare?: Provate! Appassionatevi! Fatelo per voi stesse, per volervi bene, e per dimostrarvi che non avete limiti! Potete essere belle, sensuali, forti e coraggiose. Dovete solo volerlo!

Un ultima domanda il senso della vita? : La vita non ha un senso. La vita È. E va vissuta al 100%

Raffaella Gianfrano: sapersi distinguere

L’intervista di oggi è con Raffaella Gianfrano  napoletana doc insegnante e ballerina di Pole Dance per lei la vita  e come un paradigma tra spazio tempo indefinito, al centro del suo equilibrio un gioco, una forte attrazione per il Pole Dance. Il suo segno zodiacale è Gemelli, ama ballare sulle note di alcuni pezzi musicali come  The way you make me feel di Michael Jackson,  solare, passionale, creativa oggi ascoltiamo la sua intervista.

Iniziamo con la prima domanda: come ti sei avvinata al Pole Dance

Non lo dimenticherò mai. È stato amore a prima vista. Sono sempre stata una tipa sportiva, mi sono sempre dedicata al fitness, tutti i giorni per almeno 4 ore al giorno, ma mancava qualcosa… mancava quella sensazione di sfida, di passione che poteva spingermi oltre le mie potenzialità. Poi nel 2011 , per puro caso un amica mi ha indirizzato presso una scuola dove si praticava la pole dance, che ancora in quegli anni a Napoli era una disciplina al quanto sconosciuta. È bastata una sola lezione di prova per capire che da quel mondo non mi sarei più staccata. Ed è stato così. Mi ci sono buttata a capofitto, allenandomi quasi 6 giorni su sette , per ore e non ne avevo mai abbastanza. Dopo poco tempo ho deciso di prendere il brevetto da istruttrice e da lì tutta la mia vita, non solo privata ma anche lavorativa è dipesa da questa mia passione. Il mio amore è diventato pane quotidiano. Ho fatto gavetta, tanta, ho avuto delusioni private e professionali, ma non mi sono arresa ed ho continuato. Ho collaborato in alcune strutture e poi ho deciso di camminare da sola. Ho studiato tanto, sostenendo numerosi workshop formativi, ho fatto un percoso privato approfondito qui a Napoli con Valeria Ludione che mi ha dato le basi tecniche adatte a diventare una atleta migliore. Ho cercato di portare in più grandi artisti del panorama internazionale a Napoli per avere e dare la possibilità di studiare e “rubare” il sapere di questi grandi atleti e farne tesoro. Ho cercato di completarmi come istruttrice sostenendo anche un lungo corso di personal trainer tecnico fipe, per essere preparata nel migliore dei modi per i miei allievi. Ho avuto anche tante delusioni come insegnante… ma anche enormi soddisfazioni. Il mio orgoglio più grande è vedere i miei allievi crescere ed essere felici del lavoro che svolgono , i loro sorrisi sono il mio specchio. Il mio obiettivo è di diffondere questa meravigliosa disciplina nel migliore dei modi, con allegria si, ma anche con estrema serietà, impegno e dedizione , perché le passioni devono essere nutrite ed alimentate.
Quest’anno il passo mio più importante… la fondazione della mia associazione AERIAL WARRIORS NAPOLI, nata dalla collaborazione con la mia prima allieva e poi amica, sorella , collaboratrice Mariagrazia Manzo, colei che per me è la mia punta di diamante.

Quante gare hai fatto e con quale risultato? Non ho mai sostenuto gare, sono sempre stata un po’ restia a sostenerle in quanto, non si direbbe ma, sono davvero timida. Ho preparato alcune mie allieve per la Pole Position di Modena e ne sono stata davvero orgogliosa. Non escluderei un giorno di poter partecipare ad una gara, sarebbe una bella sfida da lanciare a me stessa ,ed io sono una che si mette in gioco spesso.

Com’è la tua vita quotidiana fuori dallo sport?: Bella domanda, mi viene da sorridere perché lo sport è la mia vita. Lo amo,
Mi fa stare bene e non mi annoia mai. Ma le mie passioni sono infinite. Amo viaggiare, leggere, esplorare, conoscere nuovi posti. Amo l’arte, mi sono laureata in Restauro di Opere d’Arte e dedicarmi a dipingere o andare a guardare una mostra mi riempie il cuore di gioia. In realtà sono molto solitaria e ritagliarmi degli spazi dedicandomi alle cose che amo fare mi fa stare bene.

Quali sono i momenti più belli legato al Pole Dace? : Beh non ti dirò gli spettacoli perché quelli fanno parte del gioco. Piuttosto mi viene da pensare alle risate fatte con le vecchie compagne di corso, oppure ai momenti di gioia visti negli occhi dei miei allievi quando gli riuscivano dei trick. Oppure ancora essermi sentita al settimo cielo quando finalmente riuscivo in una presa che mai avrei pensato di fare. Insomma dentro di me porto una valanga di bei momenti legati alla pole.

Hai un motto?: Vietato arrendersi! Non dire mai non ce la faccio.
Non sopporto queste frasi, nulla è impossibile, i limiti sono sempre e solo nella tua testa. Ci vuole tempo? Bene! Abbiamo una vita intera per cadere e rialzarci!

Quali sono le tue aspirazioni future?: Essere un bravo coach. Non desidero altro. Vedere i progressi degli allievi, vederli superare i propri limiti, mi fa stare bene ed è quello che mi spinge a non smettere mai di studiare ed allenarmi, per trasmettere tutto quello che so a chi ha la mia stessa passione

Ci sono stati momenti scoraggianti in cui stavi per mollare tutto?: Assolutamente si. Tanti , in continuazione. Capita perché non ti senti bravo, capita perché ti senti fallito quando un tuo allievo ti critica oppure non è soddisfatto di te. Capita quando ti voltano le spalle oppure non ti dicono mai grazie. Ma è la vita, e la passione ha un potere più grande dello sconforto. Il punto è che non mi piace arrendermi e continuerò a nutrire questo mio amore. Amo ed odio la pole, ma senza di lei proprio non ci so stare

Quali sono le ragioni per cui una donna dovrebbe avvicinarsi alla Pole Dance?: Dal mio punto di vista credo che come prima cosa renda più forti e non intendo solo fisicamente ma soprattutto ti forgia nel carattere. Insomma devi affrontare momenti di sconfitta con te stessa, per non parlare poi degli acciacchi fisici (i nostri amati lividi). Fa aumentare l’autostima e ti rende il corpo una favola. Oltre a portare poi benefici per la salute in quanto aumenta la forza, aumenta l’elasticità e migliora la circolazione. Insomma cosa volere di più?

Sul piano fisico in particolare quali sono i maggiori benefici?: Con lo giusto stile di vita e alimentazione sana, il tuo corpo si trasforma. Diventa tonico e forte e soprattutto non ha bisogno di una maschio per comperare le casse d’acqua al supermercato!

È necessario integrare la pole con qualche altra attività tipo la corsa o la palestra?: Nei ritmi e tempi giusti combinare più attività fisiche fa benissimo. L’importante è affidarsi a tecnici competenti e non fare di testa propria

Un consiglio a chi vuole iniziare?: Provate! Appassionatevi! Fatelo per voi stesse, per volervi bene, e per dimostrarvi che non avete limiti! Potete essere belle, sensuali, forti e coraggiose. Dovete solo volerlo!

Un ultima domanda il senso della vita? : La vita non ha un senso. La vita È. E va vissuta al 100%

Laura Fantino:es la organizadora del próximo evento de Pole en Argentina

En pocas palabras … Laura Fantino es la organizadora del próximo evento de Pole en Argentina, será en Mayo. Laura nos cuenta un poco sobre este evento llamado “Pole Up”.

 1. ¿De qué se trata esta competencia?
El Pole Up surge como una nueva experiencia en competencia dentro de la disciplina. Buscamos lograr un equilibrio entre las cualidades técnicas y artísticas del Pole Dance y fomentar la creatividad y originalidad tanto en el pole como en el suelo.
2. ¿Qué expectativas tiene con esta competencia?
Queremos que los participantes muestren su estilo y se animen a la creación. Sin quedarse en los movimientos estructurados.
Que se animen a sorprendernos.
3. ¿Por quienes está conformado el jurado?
El Jurado está compuesto por 3 Pole Dancers reconocidas mundialmente Anastasia Shuktorova, Amy Hasel y Victoria Rame
4. ¿Cuantas categorías competirán?
Hay dos grandes categorías
High Heels y Pole Art
Que a su vez están divididas en Amateur, semi profesional y profesional.
5. ¿Qué cantidad de atletas participarán?
Tenemos 79 finalistas
6. ¿Algo más que desee destacar?
Procuramos la neutralidad y diversidad del jurado buscando atletas/artistas del Pole Dance muy distintas entre sí y de gran reconocimiento mundial.

intervista a Jessica Bassan

Galleria

Questa galleria contiene 8 foto.

  Oggi abbiamo assegnato il compito di rispondere ad alcune domande a Jessica Bassan istruttrice nota in diverse discipline sportive, il suo curriculum è di tutto rispetto tra cui un riconoscimenti importanti come quello di giudice di pole dance e … Continua a leggere

Mariagrazia Manzo: io solare e sognatrice

Galleria

Questa galleria contiene 8 foto.

    Non è mai troppo tardi per essere ciò che sei… ti svegli al mattino con una gran voglia di affrontare la tua giornata. Hai chiaro cosa c’è da fare e soprattutto perché lo stai facendo e di conseguenza sei pronto … Continua a leggere